Noi lo suoniamo ancora! 1978: Night Fever dei Bee Gees, emblema del Travoltismo. Nel 2012 l’unico superstite, Barry Gibb ammaina la bandiera

Bebu Silvetti
Noi lo suoniamo ancora! 1975: Spring Rain di Bebu Silvetti, punta di diamante della disco orchestrale degli anni ’70
12 Settembre 2019
Donna Summer
Noi lo suoniamo ancora! 1977: Donna Summer canta I feel love. Moroder e Bellotte: volevamo realizzare una canzone futuristica
17 Settembre 2019
Gibb

Canzone simbolo, insieme a Stayin’ Alive  ed a You Should Be Dancing, del film La Febbre del Sabato Sera e del cosiddetto Travoltismo (dal protagonista John Travolta), Night Fever (1978) dei Bee Gees rimase alla posizione numero uno della Official Singles Chart per due settimane e della Billboard Hot 100 per otto settimane nel 1978, prendendo il posto del brano Love Is Thicker Than Water di Andy Gibb ed in seguito venendo sostituita da If I Can’t Have You cantata da Yvonne Elliman (sempre parte della Colonna Sonora del film).

Cittadini onorari della Florida per il tempo trascorso in sala d’incisione

Dopo il successo di Night Fever, il governatore dello stato della Florida, Reubin O’Donovan Askew, decorò i tre componenti del gruppo con il titolo di “cittadini onorari” dello stato, per via del tempo passato in sala di incisione a Miami. Oltre che ne La febbre del sabato sera, la canzone è apparsa anche nella colonna sonora del film Mystery Men. La canzone è alla posizione numero 33 della Billboard’s All Time Top 100.

4 fratelli talentuosi

Formatasi in Australia nel 1958, la band dei Bee Gees era composta da 3 dei quattro fratelli Gibb: Barry (Barry Alan Crompton Gibb, Douglas, Isola di Man, 1946) ed i gemelli Robin (Robin Hugh Gibb, 1949) e Maurice Gibb (Maurice Ernest Gibb, 1949). Il quarto fratello Gibb, Andy, altrettanto talentuoso, coltiverà con successo una breve carriera solista fino al 10/03/1988, quando all’età di soli trent’anni morirà nella villa del fratello Robin a Thame nell’Oxfordshire, per una malattia cardiovascolare causata, stando alla dichiarazione dei fratelli, dell’abuso di droga e alcool.

L’inizio della fine

Maurice, che dal 2001 era diventato il direttore musicale del gruppo, muore improvvisamente il 12/01/2003, per complicazioni dovute a un blocco intestinale. Inizialmente Robin e Barry pensano di continuare a perpetuarne la memoria mantenendo unito il gruppo, poi decidono, in memoria del loro fratello, di ritirare il nome Bee Gees affinché esso ricordi il trio musicale originale. Riunitisi dopo il 2003 soprattutto a fini di beneficenza, il 12/09/2009 annunciano però il ritorno al nome “Bee Gees”.

Cala il sipario

La morte di Robin Gibb avvenuta il 20/05/2012, chiude però definitivamente la storia di questo leggendario gruppo, anche se la fervente attività dell’unico superstite, Barry, tende ad onorarne indirettamente continuamente la memoria…