Noi lo suoniamo ancora! 1977: Magic Fly degli Space, culto della (ça va sans dire) space disco imperante nella seconda metà degli anni ’70

Unlimited orchestra
Noi lo suoniamo ancora! 1973: Love Theme, della Love Unlimited Orchestra di Barry White, che nella schiera allevava un talento: Ray Parker Jr
1 Novembre 2019
Silver Convention
Noi lo suoniamo ancora! 1975: Fly Robin Fly delle Silver Convention (conosciute anche come Silver Bird): come raggiungere il successo con un testo di 6 parole ripetute all’infinito…
6 Novembre 2019
Space

Gruppo fondato a Marsiglia nel 1977 da Didier Marouani, ex studente di pianoforte al conservatorio di Monaco e di Parigi, gli Space furono tra i principali esponenti della Space Disco, che aveva già visto l’anno precedente i Rockets come esordienti.

Esordio al primo posto in 17 paesi

Il primo brano degli Space, appunto la strumentale Magic Fly, ottenne un enorme successo anche a livello internazionale (esordì al primo posto in diciassette Paesi tra cui anche l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti).
Gli Space pubblicarono altri brani di successo (anche se non paragonabili a quello di Magic Fly) fino al 1981, quando si sciolsero.

La nuova era di Marouani

Il nome Space e i diritti d’autore sui brani furono rilevati in seguito da Didier Marouani che attualmente porta avanti il progetto con il nome Didier Marouani & Space.

Il remix del 1985

Nel 1985 uscì una versione remix, dell’inglese Flood, sul brano Magic fly sempre col nome di Space, seguita nel 1998 da un’altra versione remixata, ripresa in anni successivi con “Magic Space Fly” di Proxyon. L’ultimo album “From Earth to Mars” é del 2011 e, già prima di allora, Marouani ha spostato la sua carriera e le sue esibizioni live nei paesi dell’ex Unione Sovietica, dove sin dagli anni Settanta ha ottenuto un successo travolgente.