Noi lo suoniamo ancora! 1975: Spring Rain di Bebu Silvetti, punta di diamante della disco orchestrale degli anni ’70

Bebu Silvetti

Nonostante l”immediata orecchiabilità, Spring Rain (titolo originale: Lluvia De Primavera) dell’argentino Bebu Silvetti (1944-2003), pur pubblicato nel 1975, non entrò nella programmazione radiofonica e nelle chart degli USA fino al gennaio 1977, quando, spinto dalla popolarità raggiunta in discoteca, fece un ingresso trionfale direttamente al 39° posto della classifica dei brani più venduti per poi entrare a far parte delle One-hit wonders in the United States.

Solo Silvetti

All’anagrafe Fernando Silvetti Adorno (1944 – 2003), professionalmente noto come Bebu Silvetti o semplicemente Silvetti, è stato un pianista, compositore, direttore d’orchestra, arrangiatore e produttore discografico nato in Argentina, ma trasferitosi (dopo un lungo soggiorno in Spagna) negli anni 70 in Messico per poi stabilirsi prima a Los Angeles (California) e poi a Miami (Florida). Pur ricordato essenzialmente per Spring Rain, Silvetti ha musicato numerosi film e telenovelas di successo e lavorato con artisti come Jose Jose, Plácido Domingo, Luis Miguel, Paul Anka e Roberto Carlos.

La prematura scomparsa

Poco prima della morte, avvenuta per un cancro ai polmoni nel 2003 a soli 59 anni, Silvetti ha ricevuto il Latin Grammy Award come produttore dell’anno per il suo lavoro su “Hasta Que Vuelvas” di Luis Miguel. Curiosità: la versione di Spring Rain dell’album è più lunga della versione singola originale del 1975. Nel marzo 1977 la Polydor Germany pubblicò la versione per d.j. denominata Spring Rain Part I/Part II.