Noi lo suoniamo ancora. 1971: Imagine di John Lennon, capolavoro inciso in uno studio casalingo

Steppenwolf
Noi lo suoniamo ancora. 1968: Born to be wild, degli Steppenwolf. Simbolo della cultura hippy e degli easy riders
9 Ottobre 2019
Russell
Noi lo suoniamo ancora! 1988: Piano in the dark, mix encomiabile di atmosfere jazz, soul e R&B di Brenda Russell, 70 anni nel 2019 ottimamente portati
14 Ottobre 2019
John Lennon

Pubblicata nel 1971 e considerata la canzone più celebre e rappresentativa di John Lennon tra quelle realizzate durante la sua carriera da solista, dopo lo scioglimento dei Beatles, Imagine è più di una canzone: è un inno di un periodo, quello dell’avvento delle disillusioni post ’68.

Incisione casalinga

Co-prodotta da Lennon e Yōko Ono insieme al produttore discografico Phil Spector, la canzone venne incisa nello studio casalingo di Lennon a Tittenhurst Park, Ascot, Inghilterra, nel maggio 1971 Nel 1985, una zona del Central Park di New York è stata dedicata a Lennon, con il nome Strawberry Fields Memorial, e lì venne installato un mosaico permanente con la scritta “Imagine”.

Riconoscimento in extremis

Poco tempo prima del suo assassinio, Lennon riconobbe il contributo della Ono quale ispiratrice del concetto dietro a Imagine; ammettendo che all’epoca non si era sentito ancora così maturo da inserire anche il suo nome tra gli autori del brano.