Natale negli anni ’70. Le enciclopedie I Quindici e Conoscere sotto l’albero al posto della tanto desiderata autopista….

Sono i primi anni ’70, avete meno di 10 anni ed aspettate con grande trepidazione il Natale, immaginando quella favolosa autopista Polistil (ma anche Policar andrebbe bene) che avete visto nel negozio di giocattoli della vostra città.
Certo, in subordine anche la gru con i comandi elettrici sarebbe gradita. Vabbé, a dirla tutta, nella scala decrescente, anche il traforo non sarebbe male

enciclopedie

La zia che sa tutto…

Invece i vostri genitori, con la complicità della zia che sa tutto (e dalla saccenteria dei cuginetti traete i primi rudimenti  dell’eredità genetica..), hanno pensato a qualcosa di più utile per il vostro futuro. E si sa: quel che è utile non è mai divertente.
Sulla scorta di tale improvvida decisione ecco quindi comparire sotto l’alberto un pesantissimo pacco.

Il “pacco” di Natale

Già, perché di “pacco” si tratta: un’enciclopedia.
E le più gettonate erano I Quindici e Conoscere.
I Quindici derivavano dall’omologa enciclopedia statunitense “Childcraft, the How and Why Library” ed in Italia fu edita dalla Field Educational Italia dal 1964 alla fine degli anni Settanta.

enciclopedie
L’opera era composta da quindici volumi (da cui il nome) e venduta porta a porta con pagamento rateale. I primi quattordici volumi (i primi tredici nella prima edizione del 1964) si rivolgevano ai ragazzi di massimo 10 anni e ognuno dei volumi era tematico, mentre il quindicesimo volume (il quattordicesimo nella prima edizione), intitolato “Voi e il vostro bambino”, si rivolgeva ai genitori e conteneva quasi 600 voci su come avrebbero dovuto conoscere, allevare, educare e curare i propri figli. Il quindicesimo volume della prima edizione del 1964 aveva un numero ridotto di pagine e si intitolava “Guida e indici”.
Così, sospirando – in fondo al prossimo Natale mancano solo 364 giorni – iniziate a guardare i disegni e le figure (di foto, poche e pure vecchie…) della voluminosa opera che, secondo la predetta zia, costituirà la base di un solare futuro professionale.

Conoscere

I Quindici erano però stati preceduti da Conoscere, una enciclopedia italiana a fascicoli per ragazzi, pubblicata dalla casa editrice Fratelli Fabbri dal 1958 al 1963 in 6 edizioni.
Nei primi anni Cinquanta il costo dei libri era tra le primarie ragioni che ostacolavano il generale assolvimento dell’obbligo scolastico. Per ovviare al problema, Giovanni Fabbri propose al ministero competente la singolare soluzione di pubblicare i libri scolastici a dispense e distribuirli attraverso le edicole, diluendo nel tempo la spesa e creando un sempre rinnovato interesse negli scolari.

enciclopedie
Ermini e Fabbri

Il ministro dell’epoca, Giuseppe Ermini, pur valutando favorevolmente l’iniziativa, risolse di non attuarla. Fu così che la casa editrice Fabbri decise di dirottare le esperienze e le persone impiegate per quel progetto verso la realizzazione di una enciclopedia a fascicoli per ragazzi, che funzionasse da tutor agli studenti delle scuole elementari e medie che nelle famiglie potevano raramente trovare adeguato supporto.
L’idea di promuovere la cultura generale traspariva anche dall’ordine delle voci. Ogni voce occupava una o due pagine ed era riccamente illustrata a disegni. L’ordine delle voci non era né tematico né alfabetico, ma casuale: in tal modo veniva incoraggiata una lettura interdisciplinare e variata.

L’edizione nera

La prima edizione del 1958, chiamata “nera” dal colore della copertina-raccoglitore, venne immediatamente accolta dal favore del pubblico, tanto che la tiratura del primo fascicolo andò subito esaurita, dimostrandosi di gran lunga insufficiente a soddisfare la domanda. L’impossibilità di aumentare la tiratura e la domanda sempre crescente fecero decidere alla Fabbri una seconda edizione per il 1959, apportando alcuni aggiornamenti e distinguendo il nuovo progetto editoriale con il colore rosso. Eguale sistema venne adottato anche negli anni successivi con la “azzurra” (1960), la “gialla” (1961), la “verde” (1962), fino a giungere all’ultima edizione del 1963, chiamata “nera lusso” e composta da 202 fascicoli, 17 dischi, 4 dizionari enciclopedici, un corso di italiano e uno di matematica. In totale furono venduti oltre 600 milioni di fascicoli. Oltre ai sopracitati corsi, ve ne era uno di lingua inglese, a dispense, con il quale si diede inizio alla divulgazione della lingua anglosassone.
L’enciclopedia Conoscere fu venduta con il sistema “porta a porta”: si chiedeva un’intervista sul campo della lettura a tutte le persone a cui si suonava il campanello.

bici